Blog di una giovane insegnante con la passione per il proprio lavoro: la scuola.

Benvenuti in questo blog dove si parlerà di tutto quello che ruota attorno al mondo della scuola: DSA, cooperative learning, sostegno, rapporti tra genitori e insegnanti ecc.
Inserirò anche delle schede didattiche e risorse che ho creato (e soprattutto sto creando) per il mio lavoro quotidiano, in modo che possano essere utili anche a voi!

Se vi interessa sapere qualcosa di più sul perchè di questo blog e dei miei video sul canale youtube teachermaia cliccate qui.
Se volete suggerire temi, fare domande o parlare di qualsiasi cosa vi interessi, lasciate pure un commento sotto ai post o scrivetemi a maestramaia88@gmail.com!
Sono anche su:
Facebook
Twitter

Passatemi a trovare!


English version

sabato 30 novembre 2013

GLH: Incontro con i genitori.

Insieme alle udienze,

in questo periodo, si stanno concludendo gli incontri con i genitori degli alunni per i quali,
dopo un percorso di certificazione presso ASL e incontri con psicologi e specialisti vari, la scuola
si è attivata per la predisposizione di un PIANO DINAMICO FUNZIONALE (PDF), in collaborazione con la famiglia e gli specialisti che seguono il caso, e un PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO (PEI) creato dalle insegnanti di sostegno e di classe che ruotano intorno al bambino.

Agli incontri (che ad essere sincera non ho capito ancora come si chiamano perchè in ogni scuola prendono nomi diversi : gruppi H, GLO, GLH... ma credo sia quest'ultimo quello corretto) partecipano:
-insegnante di sostegno assegnato alla classe del bambino
-un insegnante curricolare della classe del bambino
-i genitori
-il referente/coordinatore dell'area sostegno della scuola
- il referente dell'ASL che si occupa del caso.

Al GLH di inizio anno i nuovi insegnanti discutono e si informano  delle caratterisctiche generali del bambino, oppure gli insegnanti presentano le loro prime osservazioni di inizio anno; gli specialisti informano dell'andamento e dei progressi durante i vari incontri di psicomotricità, logopedia ecc.
Nell'incontro di fine anno si fa il punto della situazione: se gli interventi hanno avuto successo,
se sono sorte nuove problematiche, dove il bambino è arrivato ecc.

In parole povere

il GLH è il giorno della carrellata dei
NON PUò FARE QUESTO
NON RIESCE A FARE QUESTO
è TROPPO DIFFICILE
NON POTRà RIUSCIRCI
è PEGGIORATO
NON CI SONO STATI MIGLIORAMENTI.

Giusto per dare una ventata di ansia e tristezza ai poveri genitori.

Per la carità
é doveroso informare i genitori dell'andamento del figlio
sia esso positivo o negativo,
ma sicuramente ci sono modi diversi per dirlo!

  Quello che faccio io,
e sicuramente non solo io,
è di finire sempre con un pensiero positivo
sul bambino:
se proprio non troviamo nulla di quello che il bambino ha fatto ultimamente
(il che mi sembra difficile)
almeno concludiamo con una piccola
speranza di miglioramento,

o ricordando gli aspetti positivi e preservati
del bambino:
lasciandoli con un sorriso.

Ricordando sempre che per noi è lavoro
e a fine giornata torniamo a casa dalle nostre vite,

mentre questo è per loro
la vita.

Teacher Maia.

Nessun commento:

Posta un commento